Tipi di psicoterapia



Esistono numerosi approcci alla psicoterapia, chiamata anche terapia della parola o “cura dell’anima”. Diversi tipi di psicoterapie sono spesso più adatti a tipi specifici di problemi. Ad esempio, alcune psicoterapie sono progettate principalmente per trattare disturbi come la depressione o l'ansia, mentre altre si concentrano maggiormente sull'aiutare le persone a superare problemi relazionali o ostacoli a una maggiore soddisfazione di vita. Alcune forme di psicoterapia sono individuali con un terapeuta, mentre altre sono di gruppo o basate sulla famiglia. Possiamo raggruppare i diversi approcci psicoterapici in cinque grandi categorie.


Terapie psicoanalitiche o psicodinamiche

L'idea alla base di questo tipo di terapia è che la vita delle persone è influenzata da problemi e conflitti inconsci. L'obiettivo del terapeuta è aiutare la persona a far emergere questi problemi ad un livello cosciente, per essere compresi ed affrontati. Ciò può comportare l'analisi dei sogni o l'esplorazione della storia personale di una persona.


Terapia comportamentale

Questo approccio alla terapia si concentra sull'apprendimento e sul comportamento nel tentativo di cambiare i modelli comportamentali disfunzionali alla base del malessere. Alcuni terapeuti cercano di aiutare i pazienti ad apprendere nuove associazioni utilizzando un sistema di ricompensa e punizione per realizzare determinati cambiamenti comportamentali, oppure inducono risposte adattive concordando un piano di desensibilizzazione progressivo mediante l’esposizione a situazione ansiogene per il soggetto.


Terapia cognitiva

L'enfasi nella terapia cognitiva è sui pensieri di una persona. L'idea è che il pensiero disfunzionale sia ciò che porta a emozioni o comportamenti disfunzionali. L'obiettivo è aiutare la persona a riconoscere schemi di pensiero disfunzionali e a riconoscere e modificare convinzioni imprecise.


Terapia umanistica

Questo approccio alla terapia si basa sull'idea che tutte le persone sono in grado di fare scelte razionali e sviluppare il loro massimo potenziale. Questo approccio alla terapia è spesso “centrato sul cliente”, perché quest’ultimo è “l'autorità di ciò che sta accadendo all'interno”.


Terapia integrativa o olistica

Questo approccio si basa sull'integrazione di più approcci alla terapia basati sulle esigenze individuali del cliente. Ad esempio, la terapia cognitivo comportamentale è una combinazione delle due terapie individuali e si concentra sia sul pensiero che sul comportamento.


Iniziare con un professionista della salute mentale

Trovare il giusto professionista della salute mentale e il giusto approccio alla terapia è importante quanto trovare il giusto medico. Che tu abbia intenzione di vedere uno psicologo o uno psichiatra o un altro tipo di professionista della salute mentale, dovresti iniziare con una telefonata al professionista. Chiedi informazioni sull'approccio del professionista nell'affrontare i problemi mentali e su come generalmente lavora con i clienti. Se ti senti a tuo agio a parlare con lui, il passo successivo è fissare un appuntamento.

Alla tua prima visita in studio, il professionista della salute mentale vorrà parlare con te del motivo per cui pensi di dover venire in terapia. Vorrà sapere quali sono i tuoi sintomi, da quanto tempo li hai avuti e cosa hai fatto per risolverli in passato. Probabilmente ti chiederà della tua famiglia, del tuo lavoro e di cosa stai facendo per fronteggiare il problema in questione. Questa conversazione iniziale è importante per sviluppare l'approccio appropriato al trattamento. Potrebbero essere necessarie diverse settimane prima che ti senta completamente a tuo agio con la terapia. Se ancora non ti senti a tuo agio dopo due o tre visite, fallo sapere al professionista e spiega perché ti senti in quel modo. Dovete lavorare insieme come un team per ottenere il massimo dal trattamento.

6 visualizzazioni0 commenti