top of page

E’ possibile conseguire un supporto psicologico non supervisionato mediante App?

Aggiornamento: 29 apr 2020



Attualmente esistono diverse App con l’intento di offrire sostegno psicologico, seppure non sia stata ancora dimostrata scientificamente la loro validità e affidabilità. Ecco tre di queste App che ci provano:


· Pacifica: per i disturbi d’ansia, consente l’analisi e la gestione delle emozioni, mediante riflessioni guidate

· Pala-linq: Per la prevenzione e gestione delle dipendenze (alcool e droga).

· Zen in the City: finalizzata alla meditazione e al mindfulness.

Tuttavia, stiamo assistendo ad un uso indiscriminato e caotico di queste App che rivendicano di poter coprire tutto lo spettro d’azione dello psicologo, dalla diagnosi, alla prevenzione, fino alla consulenza, valutazione, abilitazione e riabilitazione, senza alcuna indicazione chiara per l’utenza sulla loro affidabilità e validità.


Non si può non disconoscere comunque i vantaggi di queste App:

• Accessibilità (abbattimento di barriere ideologiche e di “stigma”)

• fruizione e reperibilità semplici

• Potenziale utilizzo di supporto per gli psicologi stessi

• Possibilità di coinvolgere persone finora irraggiungibili


Ma non dimentichiamo le criticità di queste App:

• strumenti privi di solidi studi sull’efficacia e sul loro impatto

• prive di chiare indicazioni d’uso per l’utenza

• tecnologie ancora prive di regolamentazione

• mercato guidato da logiche commerciali



5 visualizzazioni0 commenti

Commentaires


bottom of page