Chi non ha bisogno di psicoterapia? La psicoterapia è per tutti?


La psicoterapia è ancora associata ad un vecchio pregiudizio: "Vai da uno psicologo? Allora sei pazzo, malato, ti manca una rotella perché vai da uno strizzacervelli...!". Oltre alla confusione con la psichiatria e la psicoanalisi, è ancora poco conosciuto l'ampio spettro di valore che offre la psicologia. Personalmente questa non è solo la mia professione, ma anche la mia passione e sono stato io stesso "consumatore delle arti psicoterapeutiche" per molti anni.

Alla domanda "Chi non ha bisogno della psicoterapia?" rispondono non solo i numerosi dati positivi degli studi scientifici di verifica dei benefici, ma la semplice evidenza soggettiva di chiunque: tutti possono beneficiare della psicoterapia. Infatti, chi rifiuterebbe di incontrarsi con qualcuno che ascolta senza giudicare e aiuta a risolvere problemi esistenziali o a sviluppare il proprio potenziale personale e la soddisfazione nella propria vita?

La psicoterapia ha due obiettivi possibili: trattare un disturbo (modello medico) e/o promuovere la salute (modello del benessere). Purtroppo, la terapia è nota soprattutto come cura e meno come sviluppo personale, anche per persone che stanno benissimo. E' più frequente ritenere che va in terapia chi non sta emotivamente bene e che, non appena sta meglio, non deve andarci più. Di nuovo, questo è il modello medico che guida le convinzioni più diffuse. Oggi il modello del benessere psicologico sta cominciando a diffondersi, ma non sempre è associato alla psicologia. Si sono letteralmente avventati su questo mercato sedicenti coach, counselor, mentor o figure affini che hanno aumentato a dismisura il disorientamento nel settore.

Si può scegliere di andare in psicoterapia per migliorare e arricchire la propria vita con qualunque scopo. Ad esempio, si potrebbe semplicemente voler capire come fare tante amicizie o cantare meglio in pubblico. Oppure risolvere un problema per gestire i collaboratori o i superiori al lavoro, o magari sperimentare sesso trasgressivo, oppure intraprendere un viaggio lontano, avere un atteggiamento migliore nella vita o sviluppare abitudini sane o potenziare le prestazioni sportive. Per tutte le persone che hanno obiettivi del genere, è necessaria la psicoterapia? Come necessità medica o psichiatrica, probabilmente no, ma come aiuto per la qualità della vita, ne ricavano contributi determinanti o significativi.

Poi c'è l'importanza della prevenzione. Credo che tutti possano beneficiare della psicoterapia per conseguire un controllo sulla salute mentale a intervalli regolari nella loro vita. Effettuare una sorta di auto-screening e stabilire obiettivi per un miglior funzionamento cognitivo e psicologico può prevenire problemi relazionali, emozionali e cognitivi.

Credo che tutti potrebbero trarre vantaggio dall'aiuto di un professionista qualificato, non giudicante, obiettivo e accogliente in qualche momento della loro vita. Confrontarsi in modo strutturato e mirato per ampliare il proprio orizzonte e potenziare le proprie risorse, non fa male di certo e aiuterà in qualche misura.

Tuttavia è bene precisare che non funzionerà come dovrebbe se sei costretto ad andare. Che l'abbia ordinato un tribunale, che sia fortemente voluto da un coniuge o da un genitore o dalla propria famiglia, o causato da qualche altro fattore 'di forza maggiore', la possibilità di avere un'esperienza positiva nella psicoterapia diminuisce quando sei lì contro la tua volontà. È difficile accettare trattamenti e suggerimenti se ti senti costretto a farlo.

In sintesi, se il tuo obiettivo è quello di risolvere un problema diagnosticabile, la psicoterapia sarà necessaria con un trattamento che può durare poche settimane ma anche qualche anno. Quando i tuoi sintomi sono sufficientemente gestiti o eliminati, allora non è più necessario "andare in terapia". Ma se il tuo obiettivo è al di là della riduzione dei sintomi, è più a lungo termine per un benessere generale, per prevenzione e miglioramento della qualità della vita, prenditi il ​​tuo tempo. La psicoterapia può essere un'esperienza meravigliosa.

#Psicoterapia #Disturboalimentare #Depressione #Ansia

26 visualizzazioni